P A L E S T R A - P E A C O C K _ C L U B - R O M A - T A L E N T I - M O N T E S A C R O

PALESTRA PEACOCK CLUB
ROMA - TALENTI - MONTESACRO

Amici del Peacock Club buongiorno a tutti,

è con grande dispiacere che sono qui a formalizzare quanto è già noto alla maggior parte di voi. Il nostro ristorante non riprenderà il suo esercizio, non metteremo i tavoli fuori per la bella stagione, come fu già l’anno scorso, non vedrete i nostri impomatati camerieri sfrecciare da un coperto all’altro e prestare il fianco alla satira bipartisan contro il governissimo di tutti i partiti “che ci ha abbandonato”.
Provo sana invidia e grande stima per i colleghi concorrenti che sono ripartiti con più grinta di prima, perchè ci vuole fegato per ripartire con mesi e mesi di affitti arretrati, bollette non saldate, fornitori in lista d’attesa e oneri amministrativi sul groppone.
Ma provo sana invidia perché purtroppo, ahimé, il Peacock non è un ristorante!
Eppure mi piacerebbe avere di quei problemi, ovvero quella lista interminabile di scadenze senza incassare nulla fino al 24 maggio. Ve lo immaginate voi un ristorante che vi facesse recuperare ora 10 mesi di cene non usufruite? Io no, eppure ci avevo provato.
Ci avevo provato quando, esattamente un anno fa, dopo 3 mesi di lockdown totale, chiamai a raccolta i pochi fidi compagni della scuderia per gravosamente impegnarci, ancora una volta, con le nostre garanzie fiduciarie, per far sì che, nelle nostre possibilità, si potesse progressivamente tornare alla “normalità” e consentire a tutti di recuperare i giorni persi a “corrispondenza del corrisposto” in favore della società, che tramuta il corrispettivo in servizi, secondo scopo sociale.
Ora, essendo noi rimasti fermi, per cause di forza maggiore, 10 degli ultimi 15 mesi, e ipotizzando di dover ripetere la stessa ricetta oggi ancora, risulterebbe un insensato, più che impavido, salto nel buio. Dare la possibilità di usufruire di un voucher del corrispettivo di tre mensilità è stato un atto sanguinoso e leale al tempo stesso, ma (chi conosce il nostro tariffario riuscirebbe facilmente a tirar somme) ripetere la stessa cosa significherebbe per noi indebitarsi personalmente con tanti tanti zeri (e non tutti apprezzerebbero).

Ci siamo passati l’altr’anno e conosco le risposte a menadito.
Abbiamo sempre avuto tante dimostrazioni di affetto, e per questo ve ne saremo sempre grati, così come abbiamo conosciuto tante persone che hanno, anche legittimamente, rivendicato i propri interessi. Dico “legittimamente” perché si sono avvicendati, da un anno ad oggi, decreti leggi che hanno colpito al cerchio e alla botte nel tentativo di accontentare ambo le parti, ma che oggi, nella loro revisione, meno concedono all’unilateralità esecutiva di una programmazione aziendale.

In breve: riaprire le nostre sale significherebbe chiedere a coloro, che sarebbero anche disposti a ri-sovvenzionarci fin da subito, di fare un forfettario per pagare istruttori e utenze annesse, anche in favore o di coloro che (pur legittimamente) opterebbero per riprendere il corso di un “abbonamento” messo in stand-by il 25 ottobre 2020, o di coloro che (pur legittimamente) vorrebbero rinnovare, i nostri abbonamenti, con uno sconto del 58% del valore di un contributo annuale, del 100% del valore di un contributo semestrale e così via.
Già fatto, già provato, i risultati sono recente storia e a coloro con cui ho avuto modo di scambiare qualche battuta in confidenza non negai l’impossibilità di ripetere l’impresa qualora si fosse ripetuta l’evenienza di un secondo tragico, e più duraturo, lockdown.

Queste righe le getto qui, oggi, a difesa non della nostra struttura, ma di tutta la categoria, di tutti quelle associazioni e società sportive che hanno il coraggio, per la seconda volta, di stringere nuovamente la cinghia, e tagliare servizi e personale, affinché tutti possano essere risarciti dei danni che nessuno ha commesso, un’altra volta, con colpi al cerchio e alla botte. Con i signori che subentrano oggi in via D’Ovidio, non abbiamo da spartire null’altro che un vivo rapporto d’amicizia, nello spirito di un sincero augurio di grande prosperità per i giorni a venire, manifestato nella ferma intenzione, che ci accomuna, di proseguire con altri metodi, altre idee e nuove energie negli stessi scopi filantropici.
Non c’è ovviamente continuità con i signori di via d’Ovidio,che sarebbero ben disposti di accogliervi con le loro proposte, ma noi, dal nostro, continueremo a sopravvivere in altri spazi, nel cuore di Talenti, per dare continuità, appunto, a coloro che intendono recuperare i lunghi mesi di stop ai box proseguendo con i nostri percorsi di esercizio fisico.
Chi fosse interessato può contattarci privatamente per chiedere info più dettagliate, nei giorni a venire provvederemo a fornirvi ulteriori informazioni, in concomitanza con note ministeriali più specifiche che approfondiranno ulteriormente, decreti leggi dell’ultima ora.
Un abbraccio sincero.
Il Presidente

GENTILI SOCI

Come ben sapete questa pandemia è stato un duro colpo per tutti, sotto l’aspetto psicologico ed economico. L’emergenza sanitaria ci ha portato a chiudere battenti dai primi di marzo 2020, da quel giorno con l’aiuto dei nostri cari collaboratori, segreteria, istruttori, amici, abbiamo tentato tutte le strade per cercare di mantenere vivo lo spirito del Peacock Club. Un bagliore di luce tra maggio e settembre 2020 ci ha riportato a ben sperare che pian piano tutto quanto avrebbe ricominciato con la normalità, per cui abbiamo affrontato tutti gli impegni previsti sia nel rispetto delle regole, sia economici, affinché tutti, compresi i nostri collaboratori potessero riprendere a fare ciò che più ci da soddisfazione. Ma purtroppo l’ulteriore chiusura da ottobre 2020 a maggio 2021 ci ha totalmente stroncati. Anche una struttura chiusa, come ben sapete, va manutenuta e questo comporta costi ma, sia l’impegno con le nostre possibilità, sia gli aiuti statali, non sono stati sufficienti a far fronte anche alle spese minime e continue. Motivo per cui abbiamo necessariamente dovuto mollare la presa con nostro grande rammarico.

Ringraziamo tutti per aver fatto parte del Peacock Club 🧡